Crea sito

Cerqueto InForma

Storia, cultura e vita di un paese

Culture and religion

Festa di San Gabriele a MontrealCousins born and raised in Montreal, our childhood growing up was quite different from that of regular Quebecois. Daughters of Nino and Pietro Ruscio and grand-daughters of Giuseppe Ruscio and Domenica Zaccagnini, it’s safe to say, a steady flow of Baldaunë blood runs through us. And despite geographical distance, Cerqueto always seemed close to the heart – even for us kids. Simply told, there’s just something about this town.

Long before either one of us came to visit we’d spend our days with Nonna Meca who, along with our dads, taught us firsthand most of what we know about Abruzzese culture. So while the other kids were learning their ABC’S and watching their grandmothers knit sweaters and drink tea with friends, we’d be busy chowing down on scarpellë and cambellaunë and chanting Loffë catoffë, all the while watching our Nonna engaged in a death-defying staring contest against a’ Marcheggianë who lived across the street. Needless to say, only a handful of Montreal-born children were getting drunk off of their grandmother’s rum cake and learning that lying was synonymous with Seghittë by the tender age of four.

Although immigrant-specific experiences were many, it was one summer, years ago, that we had an unforgettable and meaningful one. And like the best of tales, faith and religion were very much woven into the center of the story. Needless to say, for Italian immigrants, religion and culture were very much intertwined, as our grandparents left a very Catholic state to find a new and very Catholic Canadian province.

It is of no surprise that every year in August, the Associazione San Gabriele Dell’Addolorata Patrono d’Abruzzo Della Gioventú Canada organizes a celebratory feast in honor of San Gabriele at the oratory in Ste Julienne, Quebec.

Domenica Ruscio

 We were never a particularly religious bunch – maybe a few stints in the church choir and the Christmas nativity play; but there were definitely no pilgrimages in our catholic repertoire. However, like the curious, well-behaved children we were, we graciously agreed to take part.

A 6AM morning call was certainly not our idea of a party. Luckily though, waking up to Nonna making panini and other culinary delights, satisfied our stomachs and needless to say, our infuriated minds, for the time being. Transporting all of the food however, was a completely different story. It was a scorcher that day, and being on a school bus full of fellow Italian-Montrealers for what felt like seventeen years, didn’t make it any cooler. But, we were promised a feast – and we will go anywhere for food; even the charming hamlet that is Ste. Julienne. We know this may seem terrible and offensive, but in our defense, all we really knew about San Gabriele at the time was that he was, as the dozen photos of him at Nonna’s bedside would suggest, quite the popular fellow. And as any reasonable child would assume, we thought that he must have done something pretty meaningful to get onto the Catholic Church’s hall of fame. Funny enough, it wasn’t until that day in August that we had ever questioned our innate respect for him and our so-called faith. And it wasn’t until that very day, that we discovered the true difference between tradition and religion, custom and culture.

La processione del corpo di San GabrieleUpon arrival, we dragged Nonna’s cooler of goods off of the bus and onto the grass, pulling it toward the oratory. As we approached the feast, we suddenly became immersed by a sea of old people. And just as we began to understand our surroundings, we were brutally whisked away by a very sassy and assertive nun. One would think seeing Nonna following us in the distance, chatting with her friends and cracking jokes would make us feel better, but that was simply not the case. As we were tossed with the other children in a dark corner of the oratory, wide-eyed and a tad scared, we weren’t sure what to think. We remember being able to tell which kids had already done this before; they all had these smug smiles that made our selves sick. It was during our judging of the kid to our right that the nun directed Alyssa to another group of younger children and preceded to hand me, Cristina, a monastic robe. Fully garbed and ready to walk, we  were then given roses and instructed to put on our hoods.

Oratorio di San Gabriele a Montreal (inaugurazione)So there we were – in thirty degree weather, wearing thick brown robes, holding roses and following what seemed to be a casket holding San Gabriele porcelain doll, an image that haunted Alyssa’s dreams for the next couple of weeks, no doubt. Don’t get us wrong, we were proud to be part of the procession, we just had no idea what we were doing and why we were doing it. Why was I wearing a robe, why did we have to follow some nun (who was not the nicest lady), and why did it seem like we were part of a cult? I couldn’t help thinking to myself – women aren’t even allowed to be monks and seriously, all of this gold and money being thrown around should be put toward helping people in need, not the priest’s Armani suit.

Despite my many criticisms, I stuck with the herd and followed obediently; keeping my comments within my hood and my face as long and serious as everyone else’s. Never ones to shy away from subtle rebellion, like the good “Americans” we are, we were excited at the prospect of being on local television. Ignoring all rules recited to us at the beginning of the ceremony, we made sure to flash our pearly whites as the camera would come around – conformity was never really our thing. Still, having these thoughts not only made us feel like horrible people, but also questioned our Italian-ness. Did this mean we couldn’t be part of our culture anymore? I remember even telling myself if anyone heard what was going through our heads, they’d put us in that casket. Listening to the mass, the values preached were not by any means what we were against. If anything, we agreed with the ideals propagated. Looking back, what we had a problem with, was the institutionalization of it all. And for the first time in our young lives, we tasted the difference between the institution that is the Catholic Church and the Christian religion itself. Perhaps we’re simply part of a generation lost or better yet, children of the damned; that would surely be the simple answer. But rarely are answers involving faith, religion and culture so clear.

After the religious ceremony was all said and done, we made our way to the feast; the promise land…of food and wine, that is. If finding Nonna and taking off the eighty pound robe wasn’t enough relief, the vast array of Abruzzese food made our day. Against all odds, we then found ourselves in a big party where people were eating, laughing and dancing. Being among fellow Abruzzesi (and Calabresi people – they’re everywhere in Montreal) made us feel at home; which is oddly enough, halfway between Canada and Italy. Even though our hearts weren’t all there, it was indeed this religious feast that brought us all together. Ironically however, it was this precise moment that we both realized that our religious hesitations had nothing to do with tradition and the degree to which we belonged to this culture. On the contrary, it was watching the folkloric dancers and musicians perform and joining in on the singing and the Saltarella dancing that made us feel Abruzzese.

It was simply, as it always would be, spending time with our Nonna that truly connected us to our roots and to that home of ours, that lies somewhere on the edge of the Atlantic Ocean.

Alyssa e Cristina Ruscio

Cultura e religione

ProcessioneCugine nate e cresciute a Montreal, la nostra  infanzia è stata abbastanza diversa  da quella dei normali  Quebecchesi. Figlie di Nino  e Pietro Ruscio e nipoti di Giuseppe Ruscio e Domenica Zaccagnini, è indubbio che  un  flusso di sangue Baldaunë  scorra dentro di noi. Nonostante la distanza geografica, Cerqueto, anche da bambine, ci è sempre stato a cuore. C’è dentro di noi qualcosa di particolare nei confronti di questo luogo. Molto prima che venissimo a visitarlo, avevamo trascorso il nostro tempo con nonna Meca che, insieme ai  nostri padri, ci ha trasmesso direttamente la cultura abruzzese. Così mentre gli altri bambini  imparavano l’alfabeto e osservavano  le nonne lavorare a maglia e bere il tea con le amiche, noi avevamo il nostro bel da fare a mangiare scarpellë e cammellaunë,  a cantare Loffë catoffë,  ad osservare la Nonna impegnata in una contesa estrema con una marchigiana che viveva dall’altra parte della strada. Inutile dire che  solo pochissimi bambini a Montreal  si ubriacavano con la torta al rum della nonna e che imparavano che dire le bugie  era sinonimo di essere come Sëghittë alla tenera età di 4 anni.

Nonostante le esperienze degli immigrati fossero le più diverse, una estate, anni fa, accadde che ne facessimo una indimenticabile e significativa . Come nel migliore dei racconti,  al centro della storia c’erano, intrecciate, fede e religione. Superfluo dire che per gli immigrati italiani, religione e cultura erano strettamente interconnesse, dato che i nostri nonni avevano lasciato  uno stato molto cattolico per trovare una nuova  Provincia Canadese altrettanto cattiloca.

Non è una novità che ogni anno nel mese di agosto, l’ Associazione “San Gabriele dell’Addolorata Patrono d’Abruzzo Della Gioventú Canada” organizzi una festa celebrativa in onore di San Gabriele, presso l’oratorio in Ste Julienne, Quebec.  Non siamo mai stata una famiglia  particolarmente religiosa – forse qualche momento trascorso nel coro della Chiesa e a Natale la rappresentazione della Natività; ma non ci sono stati sicuramente pellegrinaggi nel nostro repertorio cattolico. Tuttavia, da bambine curiose, ben educate, accettammo di prendervi  parte.

La sveglia alle 6 di mattina  non era certamente la nostra idea di festa. Fortunatamente però, la  Nonna, che preparava panini e altre delizie culinarie, consolava il nostro stomaco e, superfluo dirlo, il nostro spirito, risentito per l’ora insolita. Il viaggio con tutto il cibo, però, fu una cosa ben diversa. Era una giornata torrida e stare su uno scuolabus stracolmo di compagni italiani-montrealesi,  che si sentivano diciassettenni, non contribuì certo a rinfrescarla. Ma ci era stata promessa una festa – e saremmo andati dovunque per il cibo; anche nell’affascinante borgo di Ste Julienne. Sappiamo che questo può sembrare brutto e offensivo, ma, a nostra difesa, in realtà allora sapevamo che San Gabriele, come suggerivano le sue foto a dozzina accanto al letto di Nonna, era un personaggio famoso. E, come qualsiasi bambino ragionevole, pensavamo che doveva aver fatto qualcosa di abbastanza significativo per passare all’albo d’oro della  Chiesa cattolica. Abbastanza curioso, fino a quel giorno del mese di agosto noi non avevamo mai messo in discussione il nostro innato rispetto per lui e la nostra fede. E fu proprio quel giorno  che scoprimmo la vera differenza tra tradizione e religione, usanze e cultura.

All’arrivo, trascinammo la borsa frigo di Nonna fuori dal bus e poi anche sull’erba, verso l’oratorio. Mentre ci avvicinavamo alla festa, fummo sommersi improvvisamente da un mare di persone anziane. E appena  cominciammo a  renderci conto dell’ ambiente, fummo brutalmente sbattute via da una suora insolente e decisa.   La Nonna, che ci seguiva  in lontananza mentre chiacchierava con le sue amiche e scherzava, non bastava a farci sentire meglio. Stavamo sballottate  con altri bambini in un angolo buio dell’oratorio, con gli occhi spalancati e un tantino spaventate e insicure. Eravamo  in grado di capire quali  ragazzi avevano già fatto questa esperienza; avevano tutti quei sorrisi compiaciuti che ci facevano sentir male. Fu durante la rassegna dei ragazzi alla nostra destra che la suora diresse Alyssa in un altro gruppo di bambini più piccoli e mise in mano a me, Cristina, un abito monastico. Completamente abbigliati e pronti per camminare, ci furono  date delle rose con le relative istruzioni per porle sui nostri  cappucci.

Erano trenta gradi, con addosso pesanti vesti marroni e  le rose in mano,  al seguito di  quello che sembrava essere una bara contenente una bambola di porcellana di San Gabriele; un’immagine che ripetutamente perseguitò i sogni di Alyssa per un  paio di settimane, senza dubbio. Capiamoci eravamo orgogliose di far parte della processione, solo non avevamo idea di cosa stavamo facendo e perché lo stavamo facendo. Perché  indossavo una veste, perché dovevamo seguire quella suora (che non era la più cordiale signora), e perché avevamo la sensazione di appartenere a una setta? Non riuscivo a non pensare – alle donne non è permesso celebrare e poi  tutto questo oro e soldi in giro dovrebbero essere  devoluti a persone bisognose, non all’abito di Armani del prete.

Nonostante le mie critiche, ero attaccata al gregge e lo seguivo docilmente; contenevo i miei commenti all’interno del mio cappuccio con la mia faccia triste e seria come tutti gli altri. Senza  nascondere la sottile ribellione,  da buone “Americane” quali siamo, eravamo eccitate alla prospettiva di essere sulla televisione locale. Ignorando tutte le regole raccomandateci all’inizio della cerimonia, abbiamo fatto in modo di esporre il nostro bianco perlaceo davanti alla telecamera – il conformismo non è mai stata cosa nostra. E poi questi pensieri non solo ci facevano sentire persone orribili, ma mettevano  in discussione anche la  nostra italianità. Questo significava che non potevamo più  essere parte della nostra cultura? Continuavamo a ripeterci che, se qualcuno avesse sentito ciò che ci passava  per la testa, ci avrebbero messo in quella bara. Ascoltando la messa, i valori predicati non ci trovavano affatto ostili. Se non altro, concordavamo con gli ideali divulgati. Ripensandoci il nostro  problema era la loro istituzionalizzazione. E per la prima volta  nelle nostre giovani vite abbiamo assaporato la differenza tra la Chiesa Cattolica e la religione cristiana. Probabilmente noi facciamo parte di una generazione perduta  o meglio ancora, siamo figli maledetti; questa sarebbe certamente una semplice risposta. Raramente comunque le risposte che riguardano la fede, la religione e la cultura sono così chiare.

Dopo la cerimonia religiosa andammo alla festa, la terra promessa … di cibo e vino. Se trovare Nonna e togliersi di dosso  la veste di ottanta chili non erano stati abbastanza, la vasta gamma di cibo abruzzese ci rese felici. Inaspettatamente, quindi, ci trovammo in una grande festa dove la gente mangiava, rideva e ballava. Tra paesani Abruzzesi (e Calabresi – sono dappertutto in Montreal) ci siamo sentite a casa; quel che è strano, tra Canada e Italia. Anche se i nostri cuori non erano lì, era stata questa festa religiosa che ci aveva riuniti tutti insieme. Ironia della sorte, tuttavia, è stato in questo preciso momento che entrambe abbiamo capito che le nostre esitazioni religiose non avevano nulla a che fare con la tradizione ed con  l’appartenenza a questa cultura. Al contrario, osservare i ballerini folcloristici e i musicisti durate durante l’ esecuzione e unirci al canto e alla danza della  Saltarella ci ha fatto sentire abruzzesi.

E’ stato  semplicemente il trascorrere il tempo con Nonna,    che in modo naturale  ci ha veramente messo in contatto con le nostre radici e con quella nostra casa che giace da qualche parte ai margini dell’ oceano Atlantico.

Traduzione: Adina Di Cesare