Crea sito

Cerqueto InForma

Storia, cultura e vita di un paese

La leggenda di San Marcello

Inizia a parlare  la mamma di Marcello, dopo l’uccisione del figlio

Oh fijë, fijë levati ‘ssa vestë
Ca a casa mia
Nin gë së fa ppiù festë
Oh fijë, fijë, levati sì cruallë (collana di corallo)
Ca a casa mia nin gë së fa
Chiù ballë (balli)
Oh fijë, fijë levati sì ricchiinë (orecchini)
Ca a casa mia
Nin gë së fa ppiù fistinë
Oh fijë, fijë levati si calzettë
Ca t’ha traditë
Lu cchiù sanguë strettë
Oh fijë, fijë së të vu
Stà nghë mé
Mëjorë dë Marcellë
Të vojë tenè

Oh mamma, mamma, ma che è che dici?
Con 36 cavalli so venuta
Con 37 më në vojë ritornare
La strada dë lu conventë la vojjo fare
Da monachella mi vojjë vestire.

“Quanne la munachellla
‘Nntrò in convento
Subbito ammorë je vinnà a cantare.
Saffaccia la madra (madre) badessa dalla finestra
Qui ngë sta zitellë da maritare

Oh fijë, fijë levati ‘ssa vestë
Ca a casa mia
Nin gë së fa ppiù festë
Oh fijë, fijë, levati sì cruallë (collana di corallo)
Ca a casa mia nin gë së fa
Chiù ballë (balli)
Oh fijë, fijëlevati sì ricchiinë (orecchini)
Ca a casa mia
Nin gë së fa più fistinë
Oh fijë, fijë levati si calzettë
Ca t’ha traditë
Lu cchiù sanguë strettë
Oh fijë, fijë së tëvu
Stà nghë mé
Mëjorë dë Marcellë
Të vojë tenè

Oh mamma, mamma, ma che è che dici?
Con 36 cavalli so venuta
Con 37 më në vojë ritornare
La strada dë lu conventë la vojjo fare
Da monachella mi vojjë vestire.

“Quanne la munachellla
‘Nntrò in convento
Subbito ammorë je vinnà a cantare.

Saffaccia la madra (madre) badessa dalla finestra
Qui ngë sta zitellë da maritare”

“Madre badessa fatti li fatti tuoi
Se mi vojjo (voglio) maritare
E tu che vuoi?

Se ti vu marità fatti la dotë
Entrate monachella e escë sposë”
Si ti vu marità fatti li panni
Ji ‘ntrate di nero e esci di bianco.

Così canta mamma. Un canto tristissimo: la sposa si deve spogliare perché il fratello ha ucciso lo sposo e da quel momento si veste di nero. È un frammento della leggenda di San Marcello. San Marcello, ricco cavaliere di una nobile famiglia romana, era partito per la Terra Santa con le truppe di Massimiano. Combattè e ritornò a Roma. Qui sposò una bella ragazza ricca a sua volta, e piena di bontà. Ma aveva un fratello, non buono e che voleva tutto per sè il patrimonio dei genitori, morti da tempo. Non vedeva, quindi, di buon occhio il matrimonio della sorella e sperava che non si sposasse mai.

Ma dopo grandi preparativi il matrimonio fu celebrato in un grande spazio all’aperto e precisamente nel Campo Marzio. Mentre Marcello pronunciava il suo si, fu raggiunto da un dardo avvelenato e cadde morto ai piedi della sua sposa. Il cattivo fratello lo aveva fatto uccidere da un sicario, suo amico, e quindi continuò a vivere sperperando anche la parte del patrimonio della sorella perche questa, dopo lo strazio per la morte dell’amato marito, si fece monaca. L’entrata di Garda, così si chiamava la giovane vedova, portò un’aria nuova nel convento. Ogni notte, nei dintorni del convento, si sentivano grandi serenate. L’aria si riempiva di un’aura strana, misteriosa, anche perché si sentiva cantare e non si  vedeva nessuno che cantasse. Il miracolo si ripeteva ogni sera e tutte le monache attendevano con gioia quello che era diventato una specie di appuntamento che rallegrava un po’ la loro vita di clausura. Garda rimaneva chiusa nella sua cella, immersa nel suo cupo dolore. Una notte il canto si avvicinò alla sua finestra e lei ebbe un sussulto al sentire quella  voce. Era la voce amata del suo Marcello. La voce la invitava ad andare nella loro casa dove avrebbe trovato una grande sorpresa.

Per la gioia d’aver sentito la voce amata, Garda si ammalò gravemente e nel delirio raccontava che stava vivendo col suo sposo e che l’assassino era stato punito. Le monache temettero per la sua vita ma dopo una lunga convalescenza Garda guarì. Non aveva dimenticato “la sorpresa” ed allora pregò la madre Badessa di darle il permesso di uscire dal convento. Finalmente si ritrovò sotto il palazzo che, una volta era stato suo, ed ancora lo era perché il cattivo fratello era morto e l’amato marito miracolosamente tornato alla vita.

Rema Di Matteo