Crea sito

Cerqueto InForma

Storia, cultura e vita di un paese

Stornelli a dispetto

 Rita Di Matteo canta gli stornelli, accompagnata da Carino all'organetto
L’amore non se fà che lassa e piglia
Se fà come lu ferro e la tenaglia
 
Senza che  le fai le passeggiate
Se le fai per me falla finita
 
Prima ti volevo e mò non ti voglio
Vedi che mi vuoi fà se non ti piglio
 Non ti piglio e non ti faccio pigliare
Di crepacuore ti faccio morire
 
Amore amore, me n’hai  fatte tante
Son piccolina e me le tengo a mente
 
Non serve che te lavi e che t’allisci
Per esse  bella ce dovevi  nasce
 
Le male lingue di questo contorno
Dicono male pure del padre eterno
Figurate di noi cosa diranno
 
Chi tanto lavora’ chi tanto spasso
Chi beve il  vino e chi l’acqua del fosso
 
Chi ha la moglie bella sempre canta
Chi ha pochi quattrini sempre conta
 
E te lo voglio dì, fiorin fiorello
Chi nasce a piedi non può andà a cavallo
Chi nasce brutto non può morì bello
 
Dio fa le montagne e poi ce fiocca
Fa l’omo e la donna e poi l’accoppia
 
Fiore de mela
Tu col mio  amore ce faï la lana
Ma n’te lo pijji manco se ti fa’ nera
 
Alla finestra mia ci stà li rosë
Alla finestra tua le corna appesë
 
Të messë lu cappillë a flumminantë
La mojje nun la truve n’accident
ë
Manchë së cë vè Criste e poi Sant’Annë
 
E quando ch’era verde la montagna
ce n’ho fatti di fasci dë legna
 mò che è arrivata la seccagna
non ci rivado più io pe’ la legna
 
Il bello è che tu canti in mezzo al fosso
E li rabbotti të l’ha ‘rcapatë l’osse
 
E se t’accchiappo pe’ la via  stretta
Te faccio strillà come ‘na ‘atta
 
Chi te lo ha detto amor che non ti voglio?
Fatti la casa bella, cà mi ti piglio 
 Io la casa bella me la so fatta
 Se vuoi venir con me, mò te la mostro
 
Chi te l’ha fattë fa a piglià la mojjë
Prima dormivi a lu lëttë e mò alla pajjë
 
L’anello che m’hai dato era di paglia
venisti a ‘ngannà me, povera figlia
  
Fiore de menta
Vòjjo cavà la radice a la pianta,
Chi esce dal mio cot più non ci rientra
 
Questo aè lu viculettë de li ‘Brei
Dove Cristo nin cià passatë mai
 Ci ‘ à passatë Giuda e li Giudei
 E tu, cara mia, coma ci stai?
 
Maritëtë, maritëtë chë è orë
Li annatë crescë e li bbëllezzë calë
 
Ti l’ i fatte la ‘onna roscë
Da luntane ta riconosce!
 
Te l’ì  fatte la ‘onna gialla
Nghë li soldë dë lu maresciallë

Che voi canta tu, pecora ‘nfetta
Lu medico te l’ha fatta la ricetta
Lo speziale te  l’ha spedita a morte

Statte zitta, brutta linguacciuta
Chè per la lingua non trovi marito

M’innamorai di te dentro la stalla
Per testimone c’era la cavalla
Ti sposerò quandò la bestia parla

Così l’omo ch’ ha moglie va a finire
Passa la vita sua tra pene e doglie
Da quella vita tanto vuole uscire
Ma  sempre ha gli occhi addosso della moglie

Fiore di fava
La fava fa lu fiore e poi l’avena
La mamma fa l’amore e la figlia paga

Affacciate alla finestra e   butta un sasso
Co’ gli altri fai l’amore, con me te la spassi

Tu che ti credi che sei tanto bella
Tu sei la monnezza de la stalla
Della stalla tu sei la monnezza
E della strada sei la ramazza

Chi te lo ha detto amor che non ti voglio
Quando è arrivata l’ora me te piglio

Se prima ti volevo senza niente
Adesso ci vò la fede e lu diamantë

Prima ti volevo, ti volevo
Mò ‘ntë vojjë cchiù, dammë curelë

La mamma dell’amore me l’ha detto
Innanzi a casa sua che non ci passo
Ma io ci passo co’ falce e coltello
Lu primo che s’affaccia je fo la pelle

Addietro addietro tutte ‘sti pullastre
Mò ch’arrivate lo gallo maestro

La madre del mio amore è una gran donna
Si rubba le galline e me le manna
Se me le manda cotte me le mangio
Se me le manda crude me le vendo

La mamma më vò dà chi vò essë
A dormire ci vado io, ‘ngë va essë

Che jë so fattë a li parenti miei
Nu vecchio pe’ marito mi von dare
Io vojjo un giovinetto di primo fiore

La vecchia, che non rode più le fave
sta tanto bene a lingua e non si scorë

Noi siamo due che  fan coppia e paro
Se tu sei la lima io sarò l’acciaio

Pecora nera e pecora bianca
Chi more more e chi campa campa

 Fiore de prato
 L’asino canta quando è ‘nnamoratë
 La donna canta quando vò il marito

E lo mio amore m’ha mandato un fojjo
L’ha sigillato co no’ spicchio d’ajjo
e den
tro c’era scritto nun te vojjo

Fiore d’aneto
A dir male di me ti puzza ’l fiato
Risciacquate la bocca co’ l’aceto

Fior di frumento
la robba va e viene come il vento
la donna brutta n’fa l’omo contento

Era un pezzo ch’era sonata la messa
Io allungava i miei famosi passi
Oddio mi luccicavan i panni addosso
Riguardando mi sembravo una contessa

La femmënë è comë la castagne
Bellë da forë e dentrë la magagnë

Quantë më në fa fà l’amorë luntane
E li scarpett
ë finë paghë li penë

Tuttë le donne vogliono il marito
Ma non lo sanno mette il filo all’ago

La donna che promettë e në mantenë
Si merita non si sa quante pene

N’ndë ‘nnamurà dë l’asinë d’aostë
E ‘mmanchë dë la femmënë la festë

Sapessë dë campà nghë  la cunocchië
Nun vujjë  pijjà nu maritë  vëcchië

L’amore ‘nghë nu vëcchië  voglio fare
‘Nu jovanotto non l’ho potuto avere

Nun la pijja con me chè non la vinci
chè so la fijjë dë lu Re di Francia
Nu la pijja cu me,  n’ ci chiccë cusë
chè so la fijja dë la mela rosa

 Cerqueto di Fano Adriano – TE

Fonti: Carino Misantoni, Elia Di Cesare, Isabella, Rema e  Rita Di Matteo, Maria Ruscio,  Rosina Lisii