Crea sito

Cerqueto InForma

Storia, cultura e vita di un paese

Stornelli d’amore

Il  vecchio ponte di Cerqueto, non più esistente - Archivio Federico MastrodascioAl ponte di Cerqueto c’è una croce
Andiamo, o morettina, facciamo pace

Se il papa mi donasse tutta Roma
E mi dicesse lascia andà chi t’ama
Io gli rispondo, no Sacra Corona
Vale più l’amor mio che tutta Roma

Quando nascesti tu, superna luce
Gran festa fece fa lu papa a Roma
E gli angeli gridarono ad alta voce
Ecco ch’è nata ‘na donna felice
Ecco ch’ è nata ’na felice donna
Padrona de la Marca e de lu Regnë
Padrone del mio cuor se se lo piglia

Quando nascesti tu, superna luce
Gran festa fece far lu Papa a Roma
La commarë la fece la Regina
Lu San Giovanne San Pietro romano

Per quanto siete bella, siete carina
L’acqua che corre la fate fermare
Gli alberi secchi li fate fiorire
Fate fermare lu sole quando cammina
Le stelle da lu cielë fate cadere

Amore, amore, che m’hai fatto fare
A 15 anni m’hai fatto impazzire
Lu Paternostro m’hai fatto scordare
La terza parte dell’Ave Maria

Sono venuto apposta per comprare
Le tue bellezze e non l’ho potuto avere
Ché n’ho portato poco di denaro
Per non potè  sapè quanto valevi

Avantati , bella mia, che bella sei
E tra le belle l’unica sarai
Tanto gli pari bella agli occhi miei
Di rimirarti non mi sazio mai!

Più s’alza lu sole e più fa callo
Più cresce l’amor mio
E più si fa bello.

La strada di Cerqueto fa tre giri
Chi la copre di rose e di viole
L’amore mio la copre di sospiri

Affacciati alla finestra, o ricciolona
Buttami un bicchier d’acqua se ce l’hai
Se non me lo vuoi dar, padrona sei

Amore, amore,  accucciami stà rama
Fammelo cojje a me lu primo fiore

M’innamorai di te dentro la chiesa
Quando lu prete disse: Orate frate

Fiore di tiglio
Vorrei baciarti tanto quanto voglio
Invece scappo via come un coniglio

Quando nascesti tu  nacque un bel fiore
La luna si fermò de camminare
Le stelle lo cambiarono il colore

E l’acqua corre corre e poi di ferma
L’amore s’allontana e poi ritorna

L’amore peddavero è come il vento
prima s’allontana e poi ritorna

Cò gli occhi me l’hai fatte  le ferite
Colla boccuccia me l’hai  risanate

Affacciate alla finestra o ricciolona
Dei tuoi capelli buttami  ‘na rama
La metto all’orologio per catena

Ci’avete gli occhi neri e mi guardate
Non mi sapete dì cosa volete

Volete lu  mio core e non lo cercate
Se non me lo volete dà, padrona siete

Beato  chi ti stringe e a chi t’ abbraccia
E chi ti bacerà questa boccuccia

Fiore di pesco
Non devo amarti troppo se rinasco
Lo dico sempre ma non ci riesco

Se non vedo te vedo le mura
Eppure il cuore mio si riconsola

La strada della montagna è lunga n’anno
Povero amore mio la fa ogni  giorno

Fiore di mele
A 15 anni cominciai l’amore
A 15 anni cominciai le pene

Fior di giaggiolo
Gli angeli belli stanno a mille in cielo
Ma bello come lui ce n’è uno solo

Quando muoio io, anima cara
Vieni sopra la tomba a piangere un’ora
Io ti risponderò con  voce chiara
Sono diventata polvere e ti amo ancora

Rosa rossa dai mille colori
Più ti guardo e più bella mi pari
Quando mi guardi co’ st’occhi speciali
Mi doni la condanna de l’amore

Oh, rondinella che voli pel mare
Dammi una penna delle tue bell’ale
Vojjo scrive ‘na lettera al mio amore
Quando l’avrò scritta e fatta bella
Ti renderò la penna, o rondinella
Quando l’avrò scritta e fatta fare
Ti renderò la penna per volare
Quando l’avrò scritta e fatta d’oro
Ti renderò la penna e il tuo bel volo

O rondinella che per l’aria voli
Aspettami, con te vorrei volare
Vorrei volare dove sta il mio amore

Oh,  rondinella che  passi Potenza
Salutamela tu la mia speranza
Digli che cosa fa, che cosa pensa
Come lo tratta la mia lontananza
Digli che cosa fa, che cosa vuole
Come lo tratta lo lontano amore
Digli che cosa fa, che cosa dice
Chi se lo sposerà sarà felice

Vacci pensiero mio, vacci in caserma
Vacci da quel moretto che dorme in branda
Digli che cosa fa, che cosa pensa
Come lo tratta la mia lontananza
E digli che io per lui vado alla tomba

Tant’anni cë so messë a fa un castello
E tutti mi dicevan castellana
Dopo che l’ho dipinto e fatto bello
Le chiavi mi fun tolte dalle mani
Sor masë come il pittore senza pennello
Come lu cacciatore senz’armi in mano
E così ho rimasto io con tanto amore
E contenta rimarrò se non me more

Fior de verbèna
Al  mondo non c’è rosa senza spina
‘ Nu core ‘nnamorato che non pena

La pecora e lu muntone tutta ‘na lana
Il cuore mio e il tuo tutta ‘na vena

‘Mezzë a lu marë voglio fabbricare
Nu palazzettë  cò nà pietra sola
‘Nà finestrella pë fa l’amore

Se l’acqua de lu marë fosse latte
La vorrei fa ‘na grossa pizza
‘Nà giuncatina pè la mia ragazza

Chi ama lu pecuralë ama le rose
Ama lu fiore de la Santa Casa

Chi ama lu pecuralë non ama nulla
Tre mesi sta in montagna e nove in Puglia

Chi ama lu pecuralë ama le rose
Di ricotta e di siero campa la sposa

Co la farina cë së fa lu pane
‘Nghë le ragazze belle si fa l’amore

Lu mio amore si chiama si chiama
Non mi ricordo più il suo bel nome
Lui si chiama il fiore e io la rama

E mamma me l’ha detto e tatà pure
Che l’amor forestiero poco dura
Che l’amore forestiero dura un anno
E poi se lo ritira il suo comando
L’amore forestiero dura un mese
E poi se ne ritorna al suo paese
L’amore forestiero dura un giorno
E poi se ne ritorna al suo contorno

Lu vojjo fa lu filu a la conocchia
Per non pijjare lu marito vecchio

M’innamorai di te ch’era di festa
L’Ascensione e lu corpo de Cristo

Lu mio amore fa lu giardiniere
Tutte le sere mi porta li fiori

Guarda l’amore mio si che colonna
Lu primo fijjo che fece la mamma

Bella che stai alle alte montagne
Dai uno sguardo alle basse maremme
Ricordati di me che ‘ncorë piagne

Volume contenente alcuni stornelli cerquetaniCerqueto di Fano Adriano – TE
Fonti: Isabella, Rema e Rita Di Matteo, Maria Ruscio, Carino Misantoni