Crea sito

Cerqueto InForma

Storia, cultura e vita di un paese

Stornelli vari

Orchidee spontanee a Colle Ceraso- Cerqueto - Ph. Giuseppe Bianchini

Fior di cipresso
Quant’è brutta la donna senza petto
Pare nu scudellarë senza piatti

Lu ben e lo malo fior di viola
L’amore di questanno costa caro
Le donne non mantengon le parole

Perdona mamma se ho commesso fallo
L’ho fatto per non rimaner zitella
Perciò devo sta attento al mio cavallo
Finirò tutto se mi lascia quello

A zocca  a zocca si coglie l’ulivo
A passo a passo nu grande cammino

Quando esce il sole esce rosso
Più si alza e più si colorisce

Fior di crugnalë
Si fosse malattia  fare l’amore
Sarebbe il mondo tutto un ospedale

Cerqueto è fatto a ferro di cavallo
Ci sta la gioventù col sangue bello

Noi siamo di Cerqueto e tanto basta,
E la legge la facciamo a modo nostro

Che jë so fattë a li parenti miei
Nu vecchio pe’ marito mi von dare
Io voglio un giovanotto di primo fiore

Chë vò fa la donna senza lu pïttë
Parë ‘nu scudellarë senza piattë

Piagnë la mammë ca la fijjë sposë
Jë se në va la stuta de la casa

Oh quanto sona bene stu ‘ricanetto
E chi lo sona è un bel giovanotto

Fiore di lino
saccoccia vuota ma il bicchiere pieno
nu soldë dë panë e trentasei di vino

Sapessi de mangià cipolla e ajjo
Lu maritu lu vojjo, lu vojjo

Chi së la pijjë la mojja bbellë
Jë la  da fa sempre  la sëntënellë
Chi la pijjë la mojja bruttë
li schërnë li avrà sempre  da tuttë

Chi pijjë la mojjë lu pijjë  lu uajë
Chi non la pijja non finisce majë

Valë cchiù nu giovënë ‘n gamisciolë
Chë centë vecchïë arrëhamatë d’oro

Tutte le donne vonno lu maritë
Nessuna lu sa mettë lu filë all’achë

Lu corë della donna è un libbro strano
Che ognuno di conoscere pretende
Si cerca di capire piano piano
Ma più si legge e meno si comprende

Fiorin fiorello
Mittë la hallinë accant’a lu hallë
Si  vvu vëdè dë fa la saldarellë

La donna quando è bella di natura
Più sciahurata va più bella pare

Quando la donna è bella e pettorutë
Si trova a marità senza la dotë

Bella vieni con me, vien’à la vigna
t’ho preparato ‘na bella capanna
il letto te l’ho fatto di gramigna
e le lenzuola di foglia di canna

N’n dë ‘nnamurà dë l’asïnë  d’ahostë
E manchë de la femmënë la festë

E la foglia d’olivo e lunga e amara
non date retta ai giovanotti d’ora
che a canzonar le bimbe fanno a gara

Cë n’ha passatë gente pë stì vallë
Chi jajjë a  petë e chi jajjë  a cavallë

Quando la donna piglia lu marito
Pare che piglia lu  melë  melato
Quannë  cumenzë  a corrë  li varratë
Mannaggia lu marite e chi me chi më l’ha dato

Che me ne importa se ‘l grano rincara
la dama l’ho trovata contadina
lei me la dona sempre la farina

La pacë tra la socera e la nuora
Dura quanto la neve marzarola

Fiore di mela
la mela è dolce e la sua buccia amara
l’uomo fa fintë, la donna è sincera.

Finestra che è aperta a due ringhierë
La mamma fa l’amore , la figlia ‘mparë

Tira lu vento e n’zì po’ navigare
Manghë contra la sortë se po’ ire
E manghë contra genië affa l’amore

Napoleon, che ti credevi guerriero
A Mosca incontrasti l’osso duro
E all’isola d’Elba il prigioniero

Tant’anni ci sò messo a fa un castello
E tutti mi dicevan castellano
Ora che l’ho dipinto e fatto bello
Le chiavi mi sò perso da le mani
Sor masto come lu pittore senza pennello
E come lu cacciatore senz’armi in mano
Così sor masto io, mio caro amore
Contento ti farò se non mi moro

Non posso cantà più me so arrachito
La uazzë di stanotte mi ha fregato

 Cerqueto di Fano Adriano – TE

Fonti: Carino Misantoni, Elia Di Cesare,  Isabella, Rema e Rita Di Matteo, Maria Ruscio