Crea sito

Cerqueto InForma

Storia, cultura e vita di un paese

La mitica signora Peppa



“MAMMAROSSA”

Mammarossa m’arcuntava che l’amore a lu sessante

si face’ ma nghi li spuse si smicciave da distante.

Ci s’incuntrè, ci si purteve serenate, cante e suni

ma li vasce gioia cara si vede’ nghi l’ ucchialuni.

RIT: mo l’amore s’è cagnate,

mo’ l’amore n’è cchiù quelle

mo’ l’amore è cchiù belle

perchè c’è la libertà.

Si cumince nghe li vasce

nghe li vasce si cumince

nd’a finisce, nd’a finisce, nd’a finisce chi lu sa

…………………….

“VULARELLE”

Si nata vularelle e chi ti cagne

dentr’ a la coccia te ci sta li grille

tu si passate da nu fiore a n’atre

come na farfallette ‘mbriacate

RIT: o vularelle va e scurdete ‘ssa vie

si nata vularelle e sempre i da vula’.

Quanne te puse tu, si’ come na farfalle

c’addore mo’ nu fiore e sopra natre va

………………………..

“GIUVI’”

Che serata ‘nduvinata, luna d’oro, stelle chiare

s’arimire ‘nmezz’al mare pe sugna’.

Cantature, prufessure, chi a sinistre e chi sta a destra

pronte sott’a la finestra p’abballa’.

Cumenzeme ad alta voce,

doce doce la canzone di Giuvi’.

RIT: Giuvi’, mo che le stelle fa lu mare suspirà

sa fenestrella belle e cara ‘nen zerra’,

ssa’ faccetelle fa vede’.

……………………………….

“QUANNE LU MARE DEVENTE VINE”

……………………………………………..

“LA CAMICE DE LU RUFFIANE”

……………………………………………….

STORNELLO

Su sora Pe’ va a cucinà

lu povere segretarie vo’ magna’.

“Mo t’ acconce na pummadurette, mo ti pigghie nu fasciulette

sennò nghe na scatulette ti d’ accuntentà”

…………………………………………………….

E tanti…. tanti altri  canti,  stornelli,  duetti, etc.

Come possono le estati a Cerqueto non avere ancora l’eco, per noi di una certa età, di questi versi semplici, popolari e nello stesso tempo teneri, poetici!!. E come si può non ricordare colei che ci proponeva questi ed altri molti canti orecchiabili, belli … Lei, l’asssoluta creatrice-animatrice dei “Mazzemarielle”, la mitica Signora Peppa (così la chiamavamo affettuosamente!), la maestra Giuseppina Zaccagnini, cerquetana che abitava e insegnava a Teramo. Veniva nel periodo estivo a Cerqueto con la famiglia a villeggiare, nella casa vicina alla mia, al Rione Piano. Che cosa avremmo fatto nelle lunghe estati noi ragazzini dai dodici anni in sù, adolescenti e giovani abbandonati a noi stessi, dopo la chiusura estiva delle scuole, in un paese di poche case, appollaiato sulle falde del Gran Sasso, che non offriva niente  se non i semplici divertimenti della strada . Non esistevano cinema, teatro, pizzerie … non c’era possibilità alcuna di divertirsi, come per i coetanei cittadini!!  L’ unica televisione, di proprietà del comune,  si poteva vedere nel “Monte”, locale pubblico adibito a vari usi: feste paesane, riunioni…. La Signora Peppa, mai stanca, dopo un anno intenso di insegnamento in città, con impareggiabili doti di pedagogista, sempre entusiasta, paziente, sorridente, sapeva coinvolgerci con leggerezza, creatività ….. Dopo solo poche prove eravamo in grado di  cantare, ballare, recitare, imitare… di fare quello che c’era da fare, come veri artisti e… ci  divertivamo anche tanto!!!. Il segreto era nell’ assegnare a ciascuno la parte più congeniale e nell’ intuire quello che di meglio ognuno poteva  dare. Per esempio di mio fratello Giocondo (Jack), sapevamo che suonava la fisarmonica e ballava bene ma nessuno  immaginava la  sua capacità recitativa e la versatilità nell’ assumere ruoli diversi nel gruppo.
Questa attività, iniziata  quasi per gioco e circoscritta a Cerqueto, si è estesa in  poco tempo ai paesi vicini: partecipavamo come gruppo folk che si rispetti alle feste patronali,  fino ad arrivare al Festival del Folklore di Bologna, alla rassegna folkloristica regionale presso il Castello Sforzesco dell’Aquila e puntualmente facevamo la nostra buona figura.
Ma desidero tornare alla signora Peppa ed alla sua famiglia. Il distinto e riservato Segretario comunale Sig. Ettore, suo marito, sempre in camicia bianca, che incuteva in noi un po’ di soggezione, ma era poi di una bontà infinita, basti solo pensare che nel periodo di ferie si accontentava di pasti frugali, veloci, spesso solo una scatoletta di tonno e un po’ di insalata di cicoria o di pomodoro per cena, in quanto la signora Peppa, presa dal sacro furore dell’arte, non aveva certo tempo per cucinare manicaretti; ma anche Giuliana, Sandro, Luciana, Marco, il mio coetaneo (noi piccoli spioni dei fratelli, ma soprattutto delle sorelle maggiori che si arrabbiavano ferocemente, perchè facevamo un innocente “piglia e porta” dei loro segreti amorosi). Tutte queste tenere vicende umane sono volate, ma ancora premono sul cuore e la nostalgia cammina per le strade di questo mio piccolo paese.

Lena Di Matteo